In offerta!

Beauce. Riflessioni su paesaggio e territorio

10,00 8,00

Enrico Fontanari

spedizione in 24 – 48 ore

“Per denominare l’emozione estetica che Gargantua prova nel vedere un paese trasformato in qualcosa (en campaigne) che a lui pare bello, Rabelais non dispone ancora della parola paesaggio, e allora si inventa Beauce. L’origine del concetto di paesaggio è legata a questo rapporto emotivo con il paese, alla sua osservazione attraverso un filtro culturale che lo fa vedere come un qualcosa di valutabile esteticamente.
Nel rapporto tra paesaggio e territorio, l’azione di questo filtro culturale può essere esercitata dal progetto. I testi presenti in questo volume sviluppano alcuni spunti tematici, e problematici, in questa direzione. Sono una raccolta di voci diverse, declinate intorno ad alcune parole chiave quali paesaggio, progetto e territorio (…)” (dall’introduzione di Enrico Fontanari)

INDICE

Introduzione

Dal paesaggio al paese
di Enrico Fontanari

Segni brevi segni lunghi
di Alberto Bertagna

Impasti
di Paolo Ceccon

Territori allo specchio
di Sara Marini

Paesaggi tra le parole
di Laura Zampieri

Mine is bigger
di Roberto Zancan

Note bibliografiche

In appendice: Esercizi al margine. Esito del concorso organizzato tra gli studenti che hanno seguito il Laboratorio di Sintesi Finale su “Margine, Paesaggio, Progetto. Progettare il paesaggio della gronda lagunare” (Facoltà di architettura dell’Università IUAV di Venezia, autunno 2004)

Informazioni aggiuntive

ISBN

88-86729-77-4

formato

15 x 21 cm

pagine

120

Carrello Prodotto rimosso. Annulla
  • Il carrello è vuoto.